+39 3396964172 - dal Lunedì al Venerdì: 9:00 - 18:00

Cosa sono gli elettromedicali e perché sono importanti

Cosa sono gli elettromedicali e perché sono importanti

In questa fase dominata dal Coronavirus è importante essere muniti dei principali elettromedicali per utilizzo domestico, come termometro e pulsossimetro. Ecco quali sono e perché sono importanti

23/04/2020 09:35:00 | Farmaciacontinua

L’emergenza Coronavirus ha riportato l’attenzione sui dispositivi elettromedicali, molto importanti per la salute come, per esempio, termometri e pulsossimetri. La necessità di controllare costantemente lo stato della propria salute ha convinto le persone a dotarsi dei cosiddetti elettromedicali, apparecchi elettrici in grado di rilevare determinati parametri del proprio corpo. Ma cosa sono gli elettromedicali? E perché sono così importanti?

 

Elettromedicali: cosa sono?

Prima di capire quali sono gli elettromedicali più importanti è bene dare una definizione al termine elettromedicale. Secondo la norma CEI 62.5 un elettromedicale è “un apparecchio elettrico dotato di una parte applicata che trasferisce energia verso il o dal paziente, o rileva tale trasferimento di energia verso il o dal paziente”. Il loro utilizzo è prevalentemente destinato al monitoraggio e alla valutazione diagnostica e sono molto utili sia come supporto alla competenza terapeutica del dottore, sia come strumenti da utilizzare in casa per autovalutazione dello stato di salute.

 

Quali sono gli elettromedicali per uso domestico?

Senza addentrarci all’interno del mondo degli elettromedicali utilizzati in ambito prettamente ospedaliero e medico, proviamo ora a valutare quali sono gli elettromedicali da casa, cioè da poter utilizzare da ognuno di noi in autonomia. Tra questi elementi spiccano senz’altro i termometri e i pulsossimetri che, come già accennato, in questo momento di emergenza stanno vivendo di molta popolarità.

 

Termometri, tutte le tipologie

Il termometro è un dispsoitivo creato per misurare la temperatura basale del proprio corpo. Si tratta di un elettromedicale in grado di stabilire se vi è in corso o meno un’infezione o un’infiammazione. Allo stesso tempo il termometro è in grado di valutare la presenza di eventuali ipotermie (temperature troppo elevate) oppure di collassi da shock ipotermici (temperature troppo basse).

Attualmente ci sono diverse tipologie di questo elettromedicale in commercio:

-        Termometro al galistan: simile al termometro al mercurio, oggi non più utilizzato.

-        Termometro digitale: basato su sensori che riportano la temperatura del corpo in circa 1 minuto

-        Termometro a infrarossi: da avvicinare alla fronte o al timpano. Sono in grado di rilevare la temperatura in pochi secondi.

-        Termometro hi-tech: termometri basati sui cristalli liquidi, spesso utilizzati in ambito pediatrico.

 

Pulsossimetro, a cosa serve questo elettromedicale?

Il pulsossimetro è un elettromedicale, chiamato anche saturimetro, che negli ultimi mesi ha acquisito notevole importanza, ampliando il suo utilizzo anche in ambito domestico. I suoi compiti sono quelli di misurare il grado di saturazione di ossigeno nel sangue e la frequenza cardiaca del paziente. Si utilizza inserendo un dito nel dispositivo, fino a quando il pulsossimetro non restituisce i dati richiesti (generalmente qualche secondo).


Fonte immagine

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...

Recensioni certificate

Sappiamo come rendervi felici